Comunità Alloggio

Unna Casa tra le Case

La casa della Comunità Alloggio è attiva dal 2006, gestita da Sorgente Cooperativa Sociale Onlus e fa parte di un polo di strutture situato a Soligo, all’interno della struttura di Associazione Fabrizio Viezzer Onlus.

La struttura è in grado di ospitare 11 persone con disabilità, uno di questi posti è riservato alla pronta accoglienza; è comunque predisposta per un potenziale raddoppio dei posti disponibili.

Un progetto ispirato alla filosofia del dopo di noi, pensato per quando la famiglia verrà a mancare, ma che si rivolge però anche al durante noi, cioè al momento in cui i genitori si trovino in difficoltà temporanee.

E’ la risposta a un’esigenza, sentita profondamente dai fondatori dell’Associazione, delle famiglie del territorio.

La comunità alloggio Una Casa tra le Case vuole essere un luogo famigliare, dove l’attenzione alla persona ed alla relazione abbiano un ruolo centrale.

Struttura e territorio

Una casa tra le case è una struttura che dialoga con il territorio in cui è inserita, affinché gli ospiti siano cittadini della comunità a tutti gli effetti.
Gli edifici sorgono su di un’area verde di 2.800 mq dedicati alle attività agricole della comunità: la coltivazione di alberi da frutto, l’orto, il pollaio e le strutture per le attività ludiche all’aperto.

La struttura Comunità Alloggio una Casa tra le Case il cui progetto risale al 2002, si affianca al laboratorio occupazione,

Tutt’intorno al Ceod e alla comunità alloggio c’è un’area verde attrezzata. Il 13 novembre 2004, la posa della prima pietra di una Casa tra le Case in una zona residenziale di Soligo.

Tutte le strutture sono state progettate e costruite secondo i principi della bioedilizia, utilizzando materiali naturali con particolare attenzione alle fonti di energia rinnovabile per l’approvvigionamento energetico degli edifici.

Il fabbricato

La struttura del fabbricato si snoda su tre piani:

  • Piano interrato: lavanderia, ripostiglio, dispensa, vano macchine, ascensore.
  • Piano terra: atrio d’ingresso, saletta per riunioni, ufficio educatrice, servizi igienici, soggiorno-pranzo, locale cucina, ripostiglio. Sottoportico con ampia veranda, caminetto e forno per la cottura del pane.
  • Primo piano: zona notte composta da 4 camere con due letti e bagno; due camere singole comunicanti con bagno in comune (una per un ospite fisso che necessita di assistenza continua e una per la pronta accoglienza), ampia sala da bagno con vasca attrezzata, cameretta con postazione, letto e bagno per operatore in turno notturno; tre ripostigli.

Quando i progettisti mi hanno chiesto come l’avrei voluta avevo le idee chiarissime: l’importante è che abbia tante finestre. Da un lato, perché il panorama verso le colline è stupendo. Dall’altro, perché molte persone con disabilità hanno sempre vissuto rinchiusi, in casa o negli istituti. Hanno quindi bisogno di spazi adeguati, anche all’aperto. (Angelo Cremasco)

In casa come in famiglia

Ospiti e modalità di accesso:

Il servizio si rivolge a persone con disabilità psicofisica medio-grave e grave che hanno raggiunto la maggiore età.

L’inserimento degli ospiti avviene in base ad una lista di richiesta predisposta dall’Area Disabilità dell’Ulss N.2, in risposta alle esigenze delle famiglie e agli esiti dell’Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale.

Il principio alla base della convivenza nella comunità alloggio è quello del vivere come in famiglia. Pertanto gli ospiti collaborano, per quanto loro possibile, a tutte le attività quotidiane, siano esse di semplice compagnia agli altri ospiti, di aiuto nelle faccende domestiche, in cucina, nel servizio a tavola, nella manutenzione del verde, del pollaio, dell’orto, ecc.

In comunità l’attenzione è rivolta alla relazione e l’ospite trova la sua dimensione di persona.

Aiutaci a realizzare il nostro progetto di ampliamento della Comunità Alloggio “Una Casa tra le Case” per dare vita ai giorni” ad altre persone con disabilità.
Destina il 5×1000 dell’IRPEF all’Associazione Fabrizio Viezzer Cod.Fisc. 92015780262

destina il tuo 5x1000 all'associazione fabrizio viezzer onlus

La giornata tipo

07.00 Alzata degli ospiti
07.30 Colazione
08.00 Avvio degli ospiti che frequentano attività esterne
08.30 Avvio degli ospiti che frequentano il C.E.O.D. locale
12.00 Pranzo presso il C.E.O.D. e presso la casa per coloro che vi permangono
13,00 Pulizia e riordino della sala da pranzo a cura degli ospiti con l’assistenza degli operatori. Tempo libero
14.00 Ripresa dell’attività esterna
16.30 – 17.30 Rientro in Comunità
17.30 – 19.00 Tempo libero – svago – attività di gruppo casa – pulizie personali
19.00 Cena e disbrigo
20.00 Tempo libero – televisione – filò – laboratorio di teatro – uscite
22.00 (*) Riposo

(*) L’orario è personalizzato in relazione alle caratteristiche delle persone